Home - Blog Preidlhof Home - Blog Preidlhof
20.10.2017
13:08
Monika

STORIA DEL TURISMO: I MIGLIORI HOTEL IN ALTO ADIGE

Con circa 6,5 milioni di visitatori l’anno, l’Alto Adige rappresenta una delle destinazioni più popolari delle Alpi. L’antica Val Venosta, la Val Pusteria con i suoi boschi, la regione mediterranea di Merano: ogni zona dell’Alto Adige è un mondo a sé e conquista sia gli amanti della natura sia le persone alla ricerca di tranquillità o i più sportivi. Ma l’Alto Adige com’è diventato ciò che è oggi? Di seguito è riportata una breve panoramica della storia del turismo in Alto Adige e della trasformazione di semplici case vacanze in hotel eccellenti.

1860: i nobili scoprono la faccia soleggiata delle Alpi

Il turismo in Alto Adige inizia a svilupparsi già nella metà del XIX secolo. Le classi agiate europee, nobili e industriali, visitano le Alpi. Particolarmente popolare è Merano, città dal clima mediterraneo e dal paesaggio affascinante. Qui nasce il turismo termale e salutare; anche la Imperatrice Sissi si concede i bagni nella città termale sul Passirio.

1890: in Alto Adige nascono Grand Hotel mondani

A partire dal 1890, la classe media inizia a viaggiare sempre di più. Intorno alla fine del secolo, nascono eleganti Grand Hotel in tutta la regione. Il Grand Hotel Toblach, costruito nel 1877, è uno dei primi hotel mondani dell’Alto Adige. Fino al 1914, quando scoppia la Prima Guerra Mondiale, le classi elevate si godono un’ottima cucina e feste sontuose nella città termale di Merano o in occasione delle ferie estive sulle Alpi. Dal 1914, il fronte di guerra attraversa questo paradiso delle vacanze e, quando l’Europa si risolleva dalle rovine nel 1919, il Tirolo si divide e l’Alto Adige entra a far parte della potenza vincitrice italiana.

1919: arrivano gli Italiani

Dopo la guerra, gli Italiani iniziano a visitare l’Alto Adige. La regione viene già chiamata così, mentre l’uso del termine Südtirol è vietato. Sempre più persone scoprono l’escursionismo e lo sci: le esperienze in montagna riscuotono un successo crescente. Gli alberghi più ricercati dell’Alto Adige si sviluppano ulteriormente negli Anni Trenta. Questo processo termina nel 1939 con lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale.

1950: una ripresa e un nuovo inizio

I disordini delle opzioni e del secondo conflitto mondiale interrompono bruscamente la storia di successo di molti hotel mondani in Alto Adige. Molte residenze, come il Grand Hotel di Carezza, ai piedi del Catinaccio, vengono convertite in ospedali. Alla fine della guerra, il boom economico consente a un’ampia fetta di popolazione di viaggiare e visitare l’Alto Adige, a partire dagli Anni Sessanta anche con la propria auto.

1960: camere d’albergo in tutte le valli

Beneficiano delle ripresa non solo le località rinomate, come la città termale di Merano, ma anche molti piccoli villaggi e valli. In breve tempo, molti abitanti dell’Alto Adige iniziano ad affittare le stanze degli ospiti e a guadagnare un po’. Vengono costruite numerose piccole pensioni a conduzione famigliare.

Dal 2000 in poi: in Alto Adige vengono edificati hotel di lusso

Tra gli Anni Novanta e Duemila, in Alto Adige sono stati costruiti sempre più hotel. La lunga esperienza permette agli albergatori di anticipare le tendenze e di offrire agli ospiti un’esperienza di vacanza unica. Oggi gli hotel di lusso in Alto Adige, compreso il DolceVita Wellness Hotel Preidlhof, si caratterizzano per l’architettura ricercata, il comfort elevato e le spaziose e ricercate aree benessere.

Una peculiarità degli hotel a 4 e a 5 stelle in Alto Adige è senza dubbio la cucina di alto livello. I vacanzieri che visitano l’Alto Adige possono scegliere tra classici piatti austriaci o tirolesi e specialità italiane. Molti chef creativi combinano con successo i sapori alpini e mediterranei. Questo testimonia l’eccellente cucina negli hotel dell’Alto Adige. Un motivo in più per soggiornare presso il DolceVita Luxury Resort Preidlhof!

Permalink
Views: 3
16.10.2017
09:21
Monika

CONSIGLI PER UNA VACANZA IN ALTO ADIGE, DALLA A DI ALPINISMO ALLA Z DI ZUMBA

Alpinismo e mountain bike in estate, sci eldorado in inverno: l’Alto Adige, e in particolar modo la Val Venosta, ha un paesaggio naturale variegato che lo rende perfetto per una vacanza attiva. Le attività all’aria aperta per escursionisti e ciclisti possono essere praticate da marzo a ottobre, grazie alle temperature miti. La stagione sciistica inizia agli inizi di dicembre. In tal modo, gli ospiti possono godersi una vacanza sportiva in ogni stagione! Molti hotel dell’Alto Adige, compreso il nostro DolceVita Hotel Preidlhof, organizzano escursioni guidate a piedi o in bicicletta e offrono un variegato programma di attività.

Vacanze sportive in Alto Adige dalla A alla Z

Gli sport tradizionali, apprezzati dalla gente del luogo e dai vacanzieri, sono l’escursionismo, il ciclismo e l’arrampicata. Ma quali sport possono essere praticati in Val Venosta e nel resto dell’Alto Adige? Abbiamo creato un piccolo glossario, ricercando dove possono essere praticati i vari sport. Siamo rimasti sorpresi dalle opportunità per organizzare una vacanza sportiva in Alto Adige

  • Alpinismo: l’alpinismo è uno sport che accomuna tutto l’Alto Adige. Anche molti abitanti del posto trascorrono il proprio tempo libero in montagna. Chi vuole avventurarsi in alta montagna, però, dovrebbe prepararsi adeguatamente. Controllate le previsioni meteo e non dimenticate le indispensabili attrezzature!
  • Arrampicata: in Val Venosta ci sono diverse vie di arrampicata, dalla palestra di roccia in Val Martello alle strutture al chiuso, come la parete da arrampicata di Sluderno.
  • Atletica: in molte località, come Merano e Naturno, ci sono varie strutture dove praticare atletica.
  • Calcio: per quanto piccolo, ogni paese dell’Alto Adige ha due importante strutture, la Chiesa e il campo da calcio. Se volete giocare a calcio con gli amici, rivolgitevi all’ufficio comunale o direttamente al responsabile.
  • Canottaggio: gli atleti si immergono entusiasti nel fiume Adige e nel torrente Passirio. I canoisti apprezzano soprattutto il bellissimo e ancora poco conosciuto Passirio.
  • Curling: questo sport non è ancora così popolare, ma già da alcuni anni si svolge la Südtirol Curling Cup. L’ultima edizione è stata organizzata presso il Lago di Braies in Val Pusteria, uno dei laghi più belli nella zona. L’evento avrà luogo di nuovo il prossimo anno, il 18 febbraio. Un’ottima opportunità per sperimentare il curling!
  • Downhill: discese rapide con la bici sulle valli. La Val Venosta è da sempre un luogo perfetto per le mountain bike. Ci sono molti itinerari da favola come il sentiero delle pigne alla Malga Marzoner e il percorso sul Passo del Madriccio, considerato il passaggio più in quota sulle Alpi.
  • Golf: bellissimi campi da golf si trovano nei pressi di Merano; tra questi, il GolfClub Passeier.Meran a San Martino in Passiria e il Golf Club Lana nella tenuta Brandis di Lana, a circa cinque chilometri dalla città termale.
  • Hockey: in Alto Adige ci sono diversi club di hockey, alcuni affermati a livello nazionale. L’hockey su ghiaccio viene praticato regolarmente nella MeranArena, lo stadio del ghiaccio di Merano.
  • Judo: corsi di judo vengono organizzati sia presso il Fighting Club Meran sia presso il New Sporting Center di Merano.
  • Motociclismo: in Val Venosta ci sono diverse piste per motociclismo, come i tornanti del Passo dello Stelvio.
  • Nordic Walking: anche il Nordic Walking può essere praticato in occasione di una vacanza sportiva in Alto Adige, sulla Malga di Slingia o nel Parco Flora a Malles.
  • Pallavolo: chi ha voglia di muoversi e di stare in spiaggia può trovare campi da beach volley presso le piscine all’aperto di Prato allo Stelvio, a Merano e nel paese di Tirolo.
  • Pattinaggio sul ghiaccio: i bambini non sono gli unici ad amare il pattinaggio sul ghiaccio liscio. Un’esperienza fiabesca è il pattinaggio sul Lago di Resia ghiacciaio, intorno al campanile. 
  • Slittino: lo slittino è un classico in Alto Adige. Quasi tutte le stazioni sciistiche, come quelle di Solda o Watles, hanno una pista per slittini ben sviluppata.
  • Sport in acqua: canottaggio sul Passirio, rafting nel fiume Adige, kitesurf al Lago di Resia, nuoto nel Lago di Monticolo; per le attività in acqua hanno molto da offrire anche il Burgraviato e la Val Venosta!
  • Tennis: il Tenniscamp Naturno offre ben quattro campi da gioco.
  • Tiro con l’arco: il tiro con l’arco è diventato popolare in Alto Adige soprattutto negli ultimi anni. Il bellissimo impianto di tiro 3D Venostarc si trova a Tarces, frazione di Malles nei pressi del Dreiländereck, sul Passo Resia.
  • Vela: il Lago di Resia è un punto di riferimento per chi pratica vela o kitesurf. Anche il Lago di Caldaro è frequentato tradizionalmente dai velisti!
  • Yoga: al DolceVita Hotel Preidlhof vengono organizzate lezioni di yoga più volte a settimana. La prima lezione di prova è gratuita.
  • Zumba: caratterizzati da ritmi latino-americani e movimenti rapidi, i corsi di zumba sono offerti in diversi paesi, ad esempio nel New Sporting Center di Merano 

Stare bene dalla testa ai piedi: Wellness, Sport e Bike Hotel in Alto Adige

E non è finita: numerosi Sport Hotel in Alto Adige dispongono anche di moderni centri benessere. Lì gli atleti possono essenzialmente massaggiare i muscoli doloranti dopo essersi divertiti con lo sport o aver visitato l’Alto Adige in bicicletta oppure rilassarsi nella sauna dopo una lunga giornata con gli sci. Il Luxury DolceVita Hotel Preidlhof vanta un meraviglioso centro termale e numerose saune e piscine. Inoltre, vengono offerti pacchetti speciali, come i percorsi orientali nella SPA, che dopo una giornata attiva regalano benessere dalla testa ai piedi!

Permalink
Views: 7
09.10.2017
09:23
Monika

ARRAMPICATA AL PREIDLHOF - LE VACANZE PER IL PROPRIO FITNESS

L’arrampicata permette in primo luogo di andare oltre i propri limiti. Arrampicarsi da un albero all’altro e superare gli abissi è divertente per tutti. Si possono fare esperienze speciali con l’arrampicata sia in aree interne sia in spazi all’aria aperta; qui, tra Merano e dintorni, non mancano meravigliose opportunità per testare i propri limiti. Le escursioni per principianti ed esperti conquistano senza dubbio gli appassionati del fitness e dello sport.

Di recente è arrivata anche al DolceVita Luxury Hotel Preidlhof la nuova parete per l’arrampicata per attività all’aria aperta e senza polvere di magnesia!

Il nostro nuovo muro da arrampicata all’aria aperta si trova sulla parete nord della DolceVita Lodge ed è già a disposizione degli ospiti. La parete da arrampicata, alta 7,75 metri, dispone di 6 percorsi con diversi livelli di difficoltà. Arrivati in cima, si viene ricompensati dalla splendida vista sulla piscina all’aperto e sulla suite familiare. Qui arriva la parte più emozionante e con un coraggioso salto nel vuoto si raggiunge di nuovo la terra ferma.

I due dispositivi autobloccanti Redrock Auto Belay consentono di salire su senza l’aiuto di un partner. Gli errori, in altre parole, possono essere evitati molto facilmente.

Gli scalatori esperti possono sperimentare ogni giorno la nuova parete da arrampicata all'Hotel DolceVita Preidlhof. Una volta a settimana, invece, i professionisti dell’arrampicata insegnano le basi ai principianti che vogliono cimentarsi con la nuova parete esterna. Anche gli appassionati, che hanno intenzione di migliorare le proprie prestazioni, possono beneficiare di ogni genere di consigli e suggerimenti.

Le cinghie e le scarpe da arrampicata sono a disposizione per il noleggio presso la reception del Preidlhof.

Vi auguriamo tutto il divertimento possibile durante le vostre vacanze attive presso l'Hotel DolceVita Preidlhof - Luxury Resort - a Naturno nei dintorni di Merano!

Permalink
Views: 10
02.10.2017
08:38
Monika

LE TRE PIÙ BELLE PISTE CICLABILI IN ALTO ADIGE

L’Alto Adige è un paradiso per tutti i ciclisti. Tanti bellissimi percorsi si sviluppano all’interno del territorio, sul versante meridionale delle Alpi. La vasta rete di piste ciclabili consente di attraversare tutto l’Alto Adige: un’esperienza unica. Non bisogna necessariamente affrontare i percorsi impervi o le altezze elevate verso le cime; nelle valli dell’Alto Adige ci sono bellissime piste ciclabili particolarmente adatte a sportivi e ciclisti occasionali. In vacanza non bisogna certamente affaticarsi. Al contrario, occorre godersi le meritate vacanze, riposarsi e tornare a casa con ricordi indimenticabili. Pedalare lungo sentieri soleggiati, incorniciati da un paesaggio montano e ai piedi di imponenti ghiacciai, è un’esperienza unica; soprattutto se si conclude l’escursione mangiando piatti tipici in un ristorante o in un tradizionale Buschenschank altoatesino.

Dunque, perché non esplorare l’Alto Adige con un lungo giro in bicicletta? Ecco tre fra le più belle piste ciclabili di questa celebre regione turistica.

Piacevole passeggiata intorno alla città termale di Merano

Particolarmente popolari tra i principianti sono i percorsi in pianura che si sviluppano senza pendenze eccessive e che possono essere affrontati anche da ciclisti poco allenati. Vi consigliamo il percorso circolare intorno alla città di Merano. Si parte dalla stazione di Merano - Maia Bassa. Dal DolceVita Hotel Preidlhof, è possibile raggiungere la stazione ferroviaria grazie alla ferrovia della Val Venosta. Si può usufruire del conveniente servizio di trasporto biciclette, che in Val Venosta è disponibile da aprile a ottobre tra le stazioni di Merano e Malles. Una volta arrivati alla stazione di Maia Bassa, dovete attraversare le strisce pedonali rosse all’uscita del parcheggio e seguire le indicazioni per la pista ciclabile della Val Venosta (Radweg Vinschgau). Dopo circa 1,4 chilometri, attraversate la strada e percorrete 3 km sulla via che conduce alle piscine di Lagundo. Proseguite quindi in Via Mercato in direzione Lagundo. Qui potete fermarvi un attimo, dato che il percorso verso Merano è leggermente in pendenza. Dopo una breve pausa, riprendete rilassati e in allegria fino alla Via Rosengarten, anch’essa in leggera pendenza. Dalla Via Walser proseguite sulla Via Laurin nel quartiere di Gratsch, a Merano, fino all’incrocio tra la Via Karl Wolf e la Via Galilei. Da qui si raggiungono i portici di Merano. Attraverso la Via Cassa di Risparmio e il Corso della Libertà si arriva alla Piazza della Rena. A sinistra si trova il parco con il monumento all'Imperatrice Elisabetta con una bellissima giostra e giochi sulla sabbia. Godetevi un momento di svago e divertimento, prima di riprendere il tour. Dal parco, attraversate prima la Via Cavour e poi la Via Grabmayr nel quartiere di Obermais. Via Katharina, Via Hagen e Via Fink vi condurranno sulla strada principale; troverete la pista ciclabile sulla destra. Seguite le indicazioni per la Via Palade. Attraverso questa strada tornerete alla stazione di Maia Bassa.

Sulla Malga Naturno in mountain bike

L’hotel di lusso DolceVita Preidlhof, a Naturno, è adatto non solo ai principianti e ai ciclisti saltuari; il nostro albergo a quattro stelle nella regione di Merano è anche un punto di partenza ideale per escursioni in mountain bike. Se volete salire in quota, raggiungete in bicicletta la Malga Naturno, un grande classico delle escursioni in bici in Alto Adige. Il tour parte dalla stazione di Naturno. Da lì, seguite la strada verso sud fino a raggiungere il centro sportivo. Godetevi la vista mozzafiato sul Gruppo di Tessa e sulla Val Venosta. Dopo circa 40 chilometri e 1500 in altitudine sarete arrivati alla Malga Naturno. Qui, a 1910 metri sul livello del mare, potrete concedervi un rinfresco coi fiocchi in una baita! Ripercorrete la stessa strada. Se l’itinerario è troppo facile, potete andare dalla Malga Naturno a San Vigilio e poi scendere verso la Val Venosta.

Piste ciclabili nella regione di Merano: percorsi tecnologici e culturali

Se amate lo sport e volete godervi la varietà naturale e culturale dell’Alto Adige, sarete conquistati dalla pista ciclabile tra Lagundo e Rablà. Dal principio alla fine, scoprirete molte cose interessanti sulla cultura e sulla tecnologia; non manca niente, dal treno ad alta velocità al ponte romano. Il punto di partenza per questo itinerario è il grande parcheggio nei pressi della piscina di Lagundo. Sul lato ovest si trovano i resti di un ponte della strada romana Claudia Augusta, risalente al I secolo d.C. e attualmente trasformata in una pista ciclabile. Seguite le indicazioni per la pista ciclabile dell’Alto Adige in direzione Val Venosta. Lungo la strada, dopo circa 1,5 chilometri, aumentano le curve ma non cambia la pendenza. Soffermatevi su questo percorso e godetevi la meravigliosa vista sulla conca di Merano! Proseguite verso le centrale idroelettrica Töll, operativa da oltre 100 anni nonché seconda centrale elettrica più potente dell'Alto Adige. Ormai avete superato la differenza di altitudine. Seguite la pista ciclabile lungo il fiume Adige. Appena prima del paese di Rablà, guardatevi intorno: qui spuntano tre macchine agricole del XX secolo che ricordano i tempi passati quando la Val Venosta era il granaio dell’Alto Adige. Seguite il fiume fino al ponte di Rablà e abbandonate questo percorso. Dalla Via Cutraun si raggiunge il museo delle ferrovie. Il museo ospita la più grande collezione di modellini ferroviari digitali in Italia. Nelle immediate vicinanze, potrete ammirare anche la riproduzione di una pietra miliare di epoca romana.

La filosofia del DolceVita Hotel Preidlhof di Naturno si applica anche alle bici. È possibile noleggiare gratuitamente bici di ultima generazione: city bike, mountain bike, bici da corsa! Potete parcheggiare la vostra bici facilmente e comodamente nel nostro garage e troverete tutte le informazioni utili per le vostre vacanze in bici in Alto Adige. Godetevi questi e molti altri benefici in una delle strutture più belle nei dintorni di Merano!

Permalink
Views: 14
25.09.2017
08:21
Monika

12 CONSIGLI PER UNA VACANZA RILASSANTE

Dopo un periodo di lavoro intenso e faticoso, tutti desideriamo una cosa: le vacanze! Si tenta di pianificare le vacanze in anticipo e in maniera perfetta; tuttavia, che si tratti di un soggiorno alle terme o di escursioni, capita spesso di essere stressati nel periodo di preparazione prima delle vacanze, durante la vacanza stessa e poi al ritorno, quando si riprendono le attività della vita quotidiana. 

I seguenti consigli ti aiuteranno a goderti una vacanza piacevole e rilassante nei pressi di Merano

  1. Organizzati in modo da avere un giorno libero prima delle vacanze e uno dopo le vacanze. In questo modo potrai prepararti con maggiore tranquillità, riempire con calma le valigie, ultimare tutte le varie incombenze, goderti il soggiorno fuori, sistemare casa, disfare le valigie e tornare alla routine di tutti i giorni.
  2. Non concentrare tutti gli impegni nell’ultimo giorno di lavoro! Cerca di non far sovrapporre la data della partenza, l’appuntamento dal parrucchiere, le riunioni e via dicendo. Prima di partire, tenta di concludere tutte le attività importanti per quanto riguarda il lavoro e lo studio. In questo modo, potrai staccare completamente la spina durante le vacanze, senza preoccuparti dei vari impegni.
  3. Prepara le valigie con sufficiente anticipo, se possibile anche 3 giorni prima. In tal modo, potrai concentrarti da prima sull’arrivo delle vacanze. Anticipare le ferie è quasi sempre la gioia più grande. Al tempo stesso, durante la preparazione, potresti accorgerti che il tuo bikini non è più in buone condizioni e avrai il tempo di acquistarne uno nuovo per sentirti più a tuo agio in vacanza.
  4. Prepara una check list oppure cercane una su internet: sono disponibili su vari siti web. La lista ti offrirà un valido supporto nel preparare i bagagli e non rischierai di portare con te troppe o poche cose.
  5. Non portare in vacanza materiali di lavoro o di studio. Lascia a casa tutto ciò che potrebbe ricordarti la tua vita quotidiana. In vacanza, è estremamente importante riposarsi e non sentirsi in colpa quando non si fa nulla. In vacanza è ammessa una sola attività: il relax.
  6. Non pensare agli impegni che ti aspettano nella vita di tutti i giorni e in quella professionale. Devi dedicare il tuo tempo libero a scalare le montagne o a visitare i musei.
  7. Cerca di pianificare le vacanze in contrasto con la tua routine. Se sei sempre seduto in ufficio e frequenti poco i luoghi naturali, organizza un soggiorno nel verde. Se sei spesso a contatto con le persone, prova a trascorrere le vacanze su un’isola quasi deserta. Personalizza la tua vacanza facendo tutto ciò che ti piace.
  8. Sforzati di essere sempre tranquillo per goderti le vacanze in relax. Non agitarti, perciò, in caso di code in autostrada, personale scortese o maltempo.
  9. Tieni lontani i fattori di stress come il cellulare o il computer portatile!
  10. In vacanza, non necessariamente devi essere sempre con il tuo partner o con la tua famiglia. Se ti fa stare bene, trascorri qualche ora in piscina oppure esplora i dintorni con la moto. La sera puoi concederti un bicchiere di vino per concludere in modo piacevole la giornata.
  11. Fai in modo che al ritorno non ti aspettino tantissimi lavori domestici e altri impegni arretrati.
  12. Un sondaggio sottoposto ai turisti ha evidenziato che, in occasione di una vacanza di una settimana, il terzo giorno si cambia di umore. I primi giorni sono dedicati a orientarsi e ad ambientarsi, mentre il terzo giorno emergono le emozioni e gli stati d’animo. Cerca, nei limiti del possibile, di controllare ciò che provi in questo giorno così importante.

Questi conigli ti aiuteranno a staccare dalla vita quotidiana e a goderti tutto il relax dei tuoi giorni di vacanza a Merano e dintorni. Rilassati e divertiti in occasione delle prossime vacanze presso l’Hotel Preidlhof a Naturno vicino Merano!

Permalink
Views: 17

Cerca

Archive

Ci trovi anche su